RSS

Qualcosa si è rotto

13 Mag

Da poco mi è stato recapitato l’opuscolo della lista di Fabio Erbisti.
Ma di questo parlerò in un prossimo post.
Questa mattina semmai vorrei puntualizzare su un aspetto che – secondo me – denota cosa siamo divenuti noi compaesani: la presentazione di una sola lista elettorale alle imminenti elezioni comunali (15-16 Maggio).
A questo punto immagino stiate dicendo una frase del tipo “Embeh, cosa c’è di strano?”
Embeh il problema è più grave del previsto.
Per una buona Democrazia è infatti di fondamentale importanza avere sempre almeno due blocchi contrapposti – ma rispettosi – che discutano dei problemi del paese, partendo da presupposti diversi. Questo perché; essenzialmente perché la buona pratica della discussione approfondisce meglio la problematica, dando quindi modo di dare una risoluzione migliore e condivisa.
Detto in parole povere: se c’è un problema e ci sono due – o più – gruppi di persone che vogliono risolverlo, grazie alla discussione e alla condivisione dei rispettivi punti di vista, alla fine si troverà una soluzione che sia A-migliore (perché formata dalla parte buona delle soluzioni proposte) e B-accettata da tutti (e quindi più facilmente fattibile).
Se questo non accadesse- e nel comune di Roveré Veronese è la seconda volta che non accade -, ci sarà sempre il sospetto che nel comune si stia insediando una Oligarchia (governo in mano ad un gruppo ristretto di persone), la quale farebbe in modo di fare i comodi dei soggetti che l’appoggiano. Magari in buona fede. Magari no. Chiamiamoli intrallazzi.
Di tutto ciò, ovviamente coloro che ci rimettono sono la parte migliore: persone che faticano e lavorano, che pagano le tasse e si spaccano la schiena per fare studiare i figli, che vorrebbero avere un paese vitale, propositivo e senza l’ombra inquietante del sospetto interesse di qualcuno. Lo stesso paese perde in credibilità, accidenti!
Pertanto faccio un caloroso augurio al mio paese per vederlo di qui in avanti nel pieno di un risveglio positivo, propositivo, partecipe, privo di interessi personali (questa l’è dura, lo so) e magari anche divertente e stimolante per tutti i partecipanti – e non solo.
Insomma un paese vivo.

P.S.Questo post non voglio sia interpretato come una critica verso il nuovo sindaco – a cui faccio un sentito In bocca al lupo-, quanto una presa di coscienza del desolante deserto di sfiducia, formatosi attorno ai pochi che in qualche modo stanno cercando di dare una parvenza di rispettabilità – ma col sospetto.

P.S. Discussione non è andare a sparlare al bar, spandendo sparado parole a casaccio con il paraocchi semplicemente perché bisogna dire sempre e comunque qualcosa – preferibilmente contro per darsi tono. A volte è molto più onorevole dire un sincero “Sono un ignorante in materia ” e starsene zitti.

Annunci
 
3 commenti

Pubblicato da su maggio 13, 2011 in Critiche

 

Tag: , , , , , , , , , ,

3 risposte a “Qualcosa si è rotto

  1. xxx

    maggio 13, 2011 at 6:54 pm

    …Il diritto pubblico e la costituzione vuole che all’interno di un governo (sia a livello statale, che regionale, che comunale) deve esserci una MAGGIORANZA ed una MINORANZA… con una lista sola ci si avvia ad avere una sola maggioranza che, come ben dicevi te nel post, non ha confronto e non può discutere le sue idee. Ebbene, il ragionamento di avere due parti distinte al governo di un territorio, più o meno vasto, non è sbagliata, anzi! ci si può confrontare e dare consigli a vicenda, oltre che stimolare la maggioranza a fare il meglio nel suo lavoro.
    Ma il punto del discorso è che manca la capacità dei paesani di prendersi una responsabilità tale, difficile ma che dà la soddisfazione di vedere migliorato la propria casa. Non è per niente facile creare una lista e fare il sindaco però se la sola volontà c’è e c’è un gruppo d’appoggio si può fare tutto!! Le idee sono sicura che ci sono manca la volontà!

     
    • farefuturoarovereveronese

      maggio 13, 2011 at 9:35 pm

      Quindi secondo te il problema dei nostri compaesani è più essersi abituati a sopportare e/o a non impegnarsi per far valere le proprie ragioni, oppure il trito ritrito concetto di: la politica non mi interessa, la politica è una cosa sporca e difficile, quelli che vanno là è perché c’hanno interesse a farlo?

       
      • xxx

        maggio 14, 2011 at 5:16 pm

        La gente ormai ha l’idea di politica come qualcosa di fatto per soddisfare gli interessi personali e di chi più ci stà intorno, ma in verità la politica è un occuparsi della società. chi questo l’ha capito non ha il coraggio di proporsi perchè è un impegno ed una responsabilità troppo grande. oppure perchè ha paura. infatti se guardiamo fin’ora sono stati pochi (da contare su una mano) quelli che si sono affacendati a cercare di rendere migliore il paese per la collettività e sempre si sono sempre ritrovati con mezzo paese contro… ed il problema è che queste persone che tanto hanno cercato di fare non erano neanche nella “politica” comunale!! i nostri compaesani dovrebbero un pò iniziare ad aprire gli occhi su una realtà che cambia giorno per giorno, e cercare di (permettimi il termine) tirare fuori le balle e fare del suo per la collettività!

         

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: