RSS

Lo Schifopuscolo

30 Apr

Sono giorni in cui ricevo molti messaggi.
Persone, paesani che nei miei articoli hanno ritrovato forse il gusto della critica e dell’ignoto. Poi ve ne sono altri ma di questi preferisco non parlarne.

Tra le domande più gettonate, spicca ovviamente la comprensibile “Chi sei veramente?”. Ah cari miei, per il momento impossibile saperlo.

La seconda più gettonata invece merita un certo spazio. Recita in questo modo: “Per quale motivo hai aperto il blog?”
La risposta è molto semplice: ho avviato questo blog a seguito della consegna dello Schifopuscolo (immagine in fondo a questo articolo).
Senza pretendere di essere esaustivo, voglio poter dare la lista dei passi e dei raffinati processi mentali che mi hanno portato a condividere in questo blog la mia idea di Roverè:

Passo 1 – Consegna in casa dello Schifopuscolo.
Passo 2 – L’ipotesi: l’ha portato un messo cumunale, quindi è una nuova tassa.
Passo 3 – Apertura dello Schifopuscolo e lettura del medesimo.
Passo 4 – L’ipotesi era sbagliata: no, non è una nuova tassa.
Passo 5 – Numble numble (nei fumetti la riflessione si denota in questo modo)
Passo 6 – Eureka! Ma questo non è altro che un accidenti di spot elettorale!
Passo 7 – Domanda: e chi l’ha pagato?
Passo 8 – Domanda 2: chi ha pagato il messo comunale?
Passo 9 – Raffinato processo mentale: se il nesso è comunale e la macchina è quella del comune…
Passo 10 – Altro raffinato processo mentale: se non sbaglio, il comune usa i miei soldi.
Passo 11 – #!?@#(mal parole) Con tutto quello che c’è da fare, usano i soldi per ‘ste minchiate! (da notare l’elevata cultura intrinseca di questo mio ultimo termine)
Passo 12 – Ennnnnno, questa volta non sto zitto.

Ed eccomi qui

Annunci
 
2 commenti

Pubblicato da su aprile 30, 2011 in Critiche

 

Tag: , , , ,

2 risposte a “Lo Schifopuscolo

  1. Silvia

    maggio 2, 2011 at 1:03 pm

    Perchè tutte queste domande invece di farle in un blog anonimo e suscitare “fastidi” non le fai ai diretti interessati? Mettendoli davanti alle proprie responsabilità? Sempre che ci siano? Perchè a Roverè tutti parlano e basta?

     
  2. Cimbro

    maggio 29, 2011 at 7:33 pm

    brava Silvia

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: